Archive for the ‘Verde’ Category

SVILUPPO SOSTENIBILE E PROGETTO SISTEMAZIONE AREE VERDI DELLA SCUOLA

aprile 20, 2010

Lo sviluppo sostenibile è una forma di sviluppo (che comprende lo sviluppo economico, delle città, delle comunità eccetera) che non compromette la possibilità delle future generazioni di perdurare nello sviluppo, preservando la qualità e la quantità del patrimonio e delle riserve naturali (che sono esauribili, mentre le risorse sono considerabili come inesauribili). L’obiettivo è di mantenere uno sviluppo economico compatibile con l’equità sociale e gli ecosistemi, operante quindi in regime di equilibrio ambientale.

Nell’immaginare una sistemazione del giardino esterno abbiamo formulato un’ipotesi basata sulla collocazione di piante con proprietà anti-inquinanti che si regge sull’applicazione di tre criteri fondamentali:

  1. Creazione di una barriera verde lungo il lato del giardino della scuola confinante con la strada di maggiore traffico. Le piante in questa posizione avrebbero la funzione di creare una barriera naturale soprattutto all’inquinamento atmosferico, ma anche visivo e acustico. In considerazione di ciò si potrebbe sistemare lungo A     piante (abete, larici,pini) per il loro effetto anti-inquinante e balsamico.
  2. Creazione di uno spazio verde con effetto anti-inquinante nello spazio B delimitato dalle aule e dalla palestra. In questa spazio sarebbe opportuno collocare piante a crescita limitata e arbusti che favoriscono l’ossigenazione senza creare barriere che ostacolano la visione della scuola. Il boschetto rinfrescherebbe l’aria e creerebbe ombra nelle classi che si affacciano sullo spazio descritto (10-15 betulle).
  3. Lo spazio verde davanti all’ingresso dell’edificio scolastico interrotto da un percorso centrale d’accesso, non dovrebbe essere particolarmente piantumato per evitare impedimento alla visione dell’ingresso stesso. Ai lati del percorso d’accesso si potrebbero collocare gli arbusti, mentre sui lati confinanti con le aule si possono collocare frassini e betulle.
Annunci

Compostaggio

aprile 20, 2010

Il compostaggio, è il risultato della decomposizione e dell’umificazione di un misto di materie organiche (come ad esempio residui di potatura, scarti di cucina, letame, liquame o i rifiuti del giardinaggio come foglie ed erba sfalciata) da parte di macro e microrganismi in condizioni particolari: presenza di ossigeno ed equilibrio tra gli elementi chimici della materia coinvolta nella trasformazione.

Per avere un buon compost, bisogna ricordarsi che sono gli organismi decompositori del suolo a produrlo. Essi, per vivere, hanno bisogno di tre parametri:

  • nutrienti equilibrati composti da un misto di materie carboniose (brune – dure- secche) e di materie azotate (verdi – molli – umide).
  • umidità che proviene dalle materie azotate (umide) ed eventualmente dall’acqua piovana o apportata manualmente.
  • aria che si infiltra attraverso la porosità prodotta dalla presenza delle sostanze carboniose strutturanti (dure).

 

 ( 2 o 3 volte all’anno bisognerà rigirare il materiale per riattivare il processo di compostaggio.)

Il processo di compostaggio si compone essenzialmente in bio-ossidazione, nella quale si ha l’igienizzazione della massa,è la fase attiva caratterizzata da intensi processi di degradazione delle componenti organiche più facilmente degradabili maturazione, durante la quale il prodotto si stabilizza arricchendosi di molecole umiche: si tratta della fase di cura,caratterizzata da processi di trasformazione della sostanza organica la cui massima espressione è la formazione di sostanze umiche ( da humus ,componente chimico del terreno derivato da un processo di decomposizione e rielaborazione della sostanza organica del terreno).